Home page di Itinerari Turistici e Culturali - Milano

Itinerari Turistici e Culturali Milano

Via Paladini 7 · Milano 20133 · Italia · Telefono +39 02 7015171 · Fax +39 02 70105971 · Contatti ·
 
TOUR DI SAN MAURIZIO (mezza giornata)

Itinerario di San Maurizio - Milano

Palazzo della Borsa - Milano Itinerari

Santa Maria alla Porta - Milano Itinerari


Santa Maria Podone - Milano Itinerari


Pallazzo Borromeo - Milano Itinerari

Torre dei Gorani - Milano Itinerari

Museo Archeologico - Milano Itinerari

Museo Archeologico - Milano Itinerari

 

Chiesa di San Maurizio - Milano Itinerari

Chiesa di San Maurizio - Milano Itinerari


Palazzo Litta - Milano Itinerari


Castello Cova - Milano Itinerari

Basilica San Vittore al Corpo - Milano Itinerari

Basilica San Vittore al Corpo - Milano Itinerari

Il gioiello sconosciuto del rinascimento milanese
Un itinerario pensato per conoscere una parte della città meno rinomata, alla ricerca del piacere di scoprire il rinascimento milanese meno noto. Un gioiello a due passi dall'ultima cena.

Palazzo della Borsa Milano - Palazzo Mezzanotte
Il Palazzo venne edificato a inizio Novecento su un progetto di Luigi Broggi, per ospitare la Borsa. L'architettura dell'edificio presenta gusto e riferimenti classici, derivati dal Cinquecento, con colonne, lesene e frontoni. Il portale è affiancato da quattro colonne con quelle centrali a sostegno di un frontone decorato da due sculture, simboleggianti il dio del commercio Mercurio e il Lavoro, realizzate da Achille Alberti.

Chiesa Santa Maria alla Porta Milano
Forse già esistente nel XII secolo, la chiesa di Santa Maria alla Porta fu eretta a Milano in piena dominazione spagnola nell'anno 1652 su progetto dell'architetto Richini. Il progetto fu poi terminato da Francesco Castelli detto il Borromini al quale si deve la costruzione del portale barocco e del sovrastante timpano. La chiesa deve il suffisso toponimico alla porta perché costruita nel luogo ove sorgeva la antica Porta Vercellina facente parte delle mura fatte erigere in epoca repubblicana da Ottaviano Augusto.

Chiesa Santa Maria Podone
La chiesa di Santa Maria Podone è tra le più antiche di Milano in quanto fu fondata prima dell’anno 871 dal nobile milanese Vuerolfo detto Pedone, su terreno di sua proprietà, risulta infatti da un manoscritto su pergamena che nel 871 lo stesso donò alla chiesa un “isola di case”. Nel 1440, in occasione degli interventi promossi da Vitaliano Borromeo per la creazione di una piazza quadrata tra il palazzo e la chiesa, fu costruita la cappella Borromeo, con altare dedicato alla Natività della Beata Vergine, e rifatta ex novo l’abside maggiore improntata anche essa ai canoni solariani.

Palazzo Borromeo
Duramente danneggiato dai bombardamenti del 1943 presenta ancora, nelle corti interne, affreschi quattrocenteschi di scuola lombarda, accostati allo stile di Michelino da besozzo e alla bottega degli Zavattari.

Torre dei Gorani
Torre medievale in mattoni e pianta quadrangolare costruita dai Gorani, ricca famiglia pavese. Molto malandata, fasciata da tubolari e reti, necessita un intervento di restauro. Si trova nei pressi dei resti dello scavo romano che ha riportato in luce le fondamenta di una parte del palazzo imperiale che si estendeva nella zona.

Museo Archeologico
Il Museo Archeologico è diviso tra due sedi distinte: le sezioni greca, etrusca, romana, barbarica e del Gandhara sono ospitate nell’ex Monastero Maggiore, in corso Magenta con i chiostri con epigrafi e sarcofagi romani, le sezioni preistorica ed egizia si trovano invece, non molto distanti, nel Castello Sforzesco. La multiforme ricchezza delle collezioni che raccoglie pezzi prestigiosi e rarissimi come la coppa diatreta Trivulzio, testimonia la produzione artistica e domestica di antiche civiltà, con particolare attenzione al territorio lombardo, da Golasecca a Milano capitale dell’Impero Romano, all'età longobarda. Il Museo si distingue anche per la ricca attività scientifica e le accurate pubblicazioni sulle collezioni che lo compongono.

Chiesa di San Maurizio Milano
La costruzione ebbe inizio nel 1503 ed è opera dell'architetto e scultore Gian Giacomo Dolcebuono, coadiuvato dall'Amadeo con cui lavorò anche al Duomo di Milano, alla Certosa di Pavia e alla chiesa di Santa Maria presso San Celso. L'edificio fu completato quindici anni dopo ad opera di Cristoforo Solari e fu diviso in due parti, una pubblica dedicata ai fedeli ed una riservata esclusivamente alle monache del monastero. L'attrazione maggiore della chiesa è il bellissimo ciclo di affreschi del XVI secolo che ne tappezza tutte le pareti. La chiesa è decorata con affreschi di Bernardino Luini (tra cui, sulla parete dell'Aula dei Fedeli, le rappresentazioni di Sant'Orsola e San Maurizio) che affiancano una pala con l'Adorazione dei Magidi Antonio Campi. Sulla parete dalla parte dell'Aula delle Monache si trovano immagini di Santa Caterina, di Sant'Agata, delle Nozze di Cana, della Salita al Calvario, del Cristo in Croce e del Cristo morto, sempre di Bernardino Luini.

Palazzo Litta
Palazzo Litta fu edificato nella seconda metà del '600 dagli Arese, su progetto di Freancesco Maria Richino, e passò poi ai Visconti Borromeo e alla famiglia Litta. Nel secolo scorso fu acquistato dalle Ferrovie dello Stato e oggi appartiene al Demanio dello Stato ed in parte alla Società Fintecna S.p.A.

Castello Cova
Il Castello Cova non è un vero castello, ma semplicemente il risultato dell’eccentrico progetto dell’architetto Adolfo Coppedé. Sembra un edificio medievale ma è stato edificato nel 1915; l’architetto ha voluto dargli una parvenza storica progettando merlature antiche, balconate dal sapore medievaleggiante e soprattutto regalando all’edificio una torre da far invidia a molti castelli, risaltano anche i grossi mattoni usati per i muri esterni.

Basilica di San Vittore al Corpo Milano
La basilica, fondata nel IV sec., dovette essere ampliata nell'VIII secolo per ospitare le reliquie dei santi Vittore e Satiro, traslate dal sacello di San Vittore in Ciel d'Oro nella basilica di Sant'Ambrogio. Intorno all'anno 1000 vi fu annesso un monastero benedettino. Del complesso faceva inoltre parte l'oratorio di San Martino ad corpus, scomparso nel XVIII secolo. I lavori di ricostruzione compresero il totale rifacimento della chiesa su progetto del 1533 di Vincenzo Seregni sotto la direzione di Pellegrino Tibaldi. La facciata rimase incompiuta e la cupola venne affrescata nel 1617 da Guglielmo Caccia detto "il Moncalvo". Nella cappella di Sant'Antonio è presente un dipinto di Daniele Crespi del 1619 (Morte di san Paolo Eremita). Nel transetto sinistro è conservato un ciclo di tele con Storie di San Benedetto, tarda opera di Ambrogio Figino, mentre nel transetto destro si ammira una pala di Camillo Procaccini. Tra le pale d'altare delle cappelle se ne segnala una di Pompeo Batoni; vanno ricordate anche le belle tele di Francesco Cairo nella controfacciata.

 
Sei su Itinerari Culturali Milano

Gruppo Mirage Hotels - Gemelli s.r.l. Via Casella, 61 - 20156 Milano - P.IVA 10325510153

Itinerari Turistici e Culturali Milano - Via Paladini, 7 - 20133 Milano - Italy
Telefono +39 02 7015171 Fax +39 02 70105971 - info@residencebiancacroce.it

© 2008 - 2016 Itinerari Turistici Milano - Gruppo Mirage - Tutti i diritti riservati.** - Realizzato da Spazio Immagine Galli