Home page di Itinerari Turistici e Culturali - Milano

Itinerari Turistici e Culturali Milano

Via Paladini 7 · Milano 20133 · Italia · Telefono +39 02 7015171 · Fax +39 02 70105971 · Contatti ·
 
TOUR DI CORSO VENEZIA (mezza giornata)

Itinerario di Corso Venezia - Milano

Chiesa di S. Carlo al Corso - Milano Itinerari

 

Casa Fontana Silvestri - Milano Itinerari

 

Palazzo Castiglioni - Milano Itinerari

 

Palazzo Serbelloni - Milano Itinerari



Casa Berri Meregalli - Milano Itinerari

 

Villa Belgiojoso Bonaparte - Milano Itinerari

 

Villa Belgiojoso Bonaparte  - Laghetto - Milano Itinerari

 

 

Giardini di Porta Venezia - Milano Itinerari

 

Porta Venezia - Porta Orientale - Milano Itinerari

 

Casa Galimberti e Casa Guazzoni - Milano Itinerari


Chiesa di S. Carlo al Lazzaretto - Milano Itinerari

 


Lazzaretto - Milano Itinerari

Alla ricerca del lazzaretto perduto tra ville neoclassiche, fenicotteri e strane architetture "gotiche"
Per conoscere un quartiere della città che ha vissuto momenti di poesia e drammi ed ancora oggi offre architettura, scienza, natura e commercio.

Chiesa di San Carlo al Corso Milano
Costruito in sostituzione della chiesa medievale di Santa Maria dei Servi, sede milanese dell’ordine dei Serviti, l’edificio attuale è un bell'esempio di stile neoclassico. L’architetto fu il monzese Carlo Amati (1832), autore anche del progetto definitivo della facciata del Duomo. Il complesso sostituisce un antico convento dei Servi di Maria, fondato fin dal 1290, soppresso da Napoleone nel 1799. La nuova chiesa fu realizzata in ringraziamento della cessazione di un’epidemia di colera, e dedicata a San Carlo Borromeo. L’intervento, risalente agli anni tra il 1814 e il 1847, creò un edificio a pianta circolare, preceduto da una bella piazza porticata e introdotto da un pronao su colonne corinzie.

Casa Fontana Silvestri
La Casa Fontana-Silvestri su Corso Venezia a Milano fu costruita nel XII secolo, ma il suo aspetto attuale (a cavallo fra gli stili gotico e rinascimentale) risale alla fine del XIV secolo. E' uno dei pochissimi palazzi rinascimentali sopravvissuti a Milano. Era l'abitazione del guardiano dell’adiacente Porta Orientale, demolita nel XIX secolo.

Palazzo Castiglioni
Costruito da Giuseppe Sommaruga nel 1901-1904, costituisce un pò il "manifesto" artistico dell'Art Nouveau ("stile liberty o floreale") a Milano. L’edificio fu realizzato a tre piani, con due facciate, una principale sulla strada e una secondaria sul giardino, più gli annessi staccati dal corpo principale e costituenti le scuderie e la rimessa. Questo palazzo ha un basamento con bugnato grezzo che riprende le forme naturali della roccia; le altre decorazioni presenti sono una ripresa dello stucco in stile settecentesco.

Palazzo Serbelloni
Oggi sede del Circolo della Stampa, Palazzo Serbelloni è una maestosa struttura, di originario impianto seicentesco, ampliata in forme neoclassiche alla fine del XVIII secolo da Simone Cantoni. La facciata, a tre ordini di finestre, è interrotta al centro da una loggia, coronata da timpano su colonne e pilastri.

Casa Berri Meregalli
L’edificio fu costruito tra il 1911 e il 1914 su progetto di Giulio Ulisse Arata. Stilisticamente collocato nel tardo libery, presenta un insieme eclettico di richiami agli stili romanici, gotici e rinascimentali. La casa è il suo capolavoro per la ricchezza delle decorazioni e le volumetrie volutamente asimmetriche delle facciate. L’uso di diversi materiali da costruzione come la pietra, il cotto ed il ferro battuto, rendono l’opera particolarmente maestosa e spettacolare. Il palazzo è riccamente decorato da sculture, mosaici policromi e pitture. Una stranissima scultura di Adolfo Wildt aggiunge mistero al tenebroso ingresso.

Villa Belgiojoso Bonaparte
La Villa, edificata tra il 1790 e il 1796 nella contrada di Porta Orientale (attuale Porta Venezia), fu commissionata da Ludovico Barbiano di Belgiojoso, a Giuseppe Piermarini, e da lui affidata al suo allievo Leopoldo Pollack. L’architettura neoclassica della Villa, con la disposizione razionale dei volumi in un corpo centrale con due ali laterali è completata da bassorilievi e da statue raffiguranti soggetti e temi mitologici dettati da Giuseppe Parini. Già nel 1801, la Villa era stata residenza di Gioacchino Murat e della moglie Carolina Bonaparte e più tardi del vicerè Eugenio Beauharnais e di Augusta Amalia di Baviera. A Beauharnais si deve la commissione ad Andrea Appiani dell’affresco raffigurante il Parnaso o Apollo citaredo circondato dalle nove muse, opera capitale per la cultura neoclassica milanese. Altri residenti illustri furono il generale Radetsky e Napoleone III. Il destino pubblico della Villa è legato all’ Unità d’Italia, quando l’edificio venne destinato a sede delle collezioni d’arte moderna della città. Oggi la villa ospita il Museo dell’Ottocento.

Giardini di Porta Venezia
Realizzati (nella parte orientale) tra il 1782 e il 1786 su progetto di Giuseppe Piermarini, furono i primi giardini pubblici della città. Il progetto, nello stile del giardino all’italiana, era coordinato ai preesistenti "Boschetti" di via Marina e fu in seguito modificato con la costruzione degli edifici del Museo di Storia Naturale (1888-93) e del Planetario "Ulrico Hoepli" (1930). L’ampliamento ovest, fino a via Manin, fu realizzato da Giuseppe Balzaretto nel 1856-62, seguendo la nuova moda del giardino paesaggistico all'inglese.

Porta Venezia
Porta Venezia è una delle porte storiche della città di Milano. Sino al 1860 era chiamata Porta Orientale ovvero Porta Renza (da "Argentia", in quanto da lì si andava ad "Argentium", l’odierna Gorgonzola). Essa comunicava con Monza, la Brianza orientale e la strada di Bergamo. Fu la prima a essere restaurata da Giuseppe Piermarini, che progettò dal 1782 la trasformazione della porta in stile neoclassico e la sistemazione del terrapieno dei Bastioni.

Casa Galimberti e Casa Guazzoni
Bellissime case da abitazione in stile liberty tra i più begli esempi di questo tipo di architettura a Milano. Erette all’inizio del XX secolo da G.B. Bossi con uso di piastrelle smaltate sulla facciata riproducenti alberi, fiori e figure femminili e stupendi balconi in ferro battuto.

Chiesa di San Carlo al Lazzaretto
Costruita sull’antico tempietto di S. Maria della Sanità nel 1558-92 dal Pellegrini faceva parte del complesso del Lazzaretto. Il progetto prevedeva infatti un’ampia corte porticata che collegava le stanze dei malati disposte lungo il perimetro del quadrato. Un sofisticato sistema di canali garantiva l’igiene e la pulizia dei locali diminuendo la possibilità di contagio. Voluto da Ludovico il Moro e progettato da Lazzaro Palazzi (1488-1513) il complesso prevedeva una cappella aperta lungo i fianchi e posta al centro della corte visibile da tutte le celle.

Lazzaretto
Tutta la vasta struttura quadrilatera è realizzata dall’architetto Lazzaro Palazzi in collaborazione col cognato Amadeo che collabora all’edificazione del "Lazzaretto" di Milano: un primo progetto architettonico per concentrare in un unico manufatto edilizio tutte le operazioni suggerite dai progressi in campo medico vien redatto nel 1468 da un ingegnere attivo al cantiere dell’Ospedale Maggiore, Elia Reina, ma soprattutto per iniziativa e promozione di Lazzaro Cairati, filantropo milanese e notaio dell’ospedale. Alla fine della grande peste del 1486, si decide di costruire il nuovo Lazzaretto a San Gregorio anche per ottemperare alla volontà di Galeotto Bevilacqua che aveva lasciato a questo scopo i suoi averi all’Ospedale Maggiore. Venne demolito nella seconda metà del XIX secolo, con l’aumento della richiesta di lotti edificabili in città. Ne rimane solo un ultimo gruppo di celle nella zona di Corso Buenos Aires.

 
Sei su Itinerari Culturali Milano

Gruppo Mirage Hotels - Gemelli s.r.l. Via Casella, 61 - 20156 Milano - P.IVA 10325510153

Itinerari Turistici e Culturali Milano - Via Paladini, 7 - 20133 Milano - Italy
Telefono +39 02 7015171 Fax +39 02 70105971 - info@residencebiancacroce.it

© 2008 - 2016 Itinerari Turistici Milano - Gruppo Mirage - Tutti i diritti riservati.** - Realizzato da Spazio Immagine Galli